SENTENZE

In questa sezione puoi trovare le sentenze storiche che hanno portato alla luce le pratiche scorrette commesse dagli Istituti Finanziari nel corso degli anni.


La Sentenza n° 921/2016 del Tribunale di Pistoia, del 20/10/2016, riguarda un contenzioso tra una Società ed una Banca. La Società in questione è titolare di due conti correnti – un conto ordinario ed un anticipi. Nel 2012 la Società cita la Banca in giudizio chiedendo la restituzione di quanto INGIUSTAMENTE pagato sotto forma di Interessi-Spese-CMS (Commissioni di Massimo Scoperto). Il Giudice, dietro Perizia effettuata dal CTU, condanna la Banca a restituire alla parte attrice Euro 69.891,16 oltre interessi legali perché il Consulente […]

Sentenza n° 921/2016 del Tribunale di Pistoia, del 20/10/2016


La Sentenza n° 1233/2016 del Tribunale di Macerata, del 02/11/2016, riguarda un rapporto di Conto Corrente Ordinario tra una Società a Responsabilità Limitata ed una Banca, acceso nel 1980; nel 1991 la Società aveva aperto un conto s.b.f. che girocontava gli interessi sul conto ordinario. Successivamente la Società si accorge che, oltre a versare trimestralmente interessi passivi, stava pagando oneri non dovuti sotto forma di Commissioni di Massimo Scoperto. A quel punto la Società, dopo aver analizzato i due conti correnti, cita […]

Sentenza n° 1233/2016 del Tribunale di Macerata, del 02/11/2016


La Sentenza n° 5609/2017 del 07/03/2017 della Suprema Corte di Cassazione riguarda un contenzioso tra un Privato ed una Società di Recupero Crediti. Il privato in questione presenta opposizione ad una esecuzione immobiliare per Euro 216.062,94. Con la sentenza di primo grado, dopo che si è espressa la CTU, il Giudice accoglie le contestazioni sul diritto a procedere da parte della Banca, contestando alla medesima che il cliente aveva ESTINTO la sua Obbligazione mediante versamenti su un altro conto corrente; inoltre il legislatore […]

Sentenza n° 5609/2017 del 07/03/2017



Riportiamo qui il link a due sentenze, una emessa dal Tribunale di Roma e l’altra dalla Corte d’Appello di Milano, che riguardano entrambe la sottoscrizione di derivati da parte di un Ente Pubblico. In tutte e due le Sentenze sono sanciti gli stessi principi, ovvero: Il concetto di “ OPERATORE QUALIFICATO” (ART.31 del vecchio ordinamento Consob del 1998) I Giudici hanno stabilito che in base alle leggi vigenti, il Cliente ”non deve avere solo una “specifica competenza” sull’argomento dei Derivati ma deve […]

Due Sentenze stabiliscono gli stessi principi





La Sentenza n°659/2016 del 22/4/2016 della Corte di Appello del Tribunale di Torino riguarda la sottoscrizione di un Derivato Swap, stipulato dal cliente  di una Banca per coprirsi dal rischio dell’aumento dei tassi d’interesse di un Mutuo trentennale di Euro 175.000,00 stipulato nel 2007. In primo grado il giudice ha condannato la Banca sia per la presenza di COSTI IMPLICITI – che nel Foglio Informativo non risultavano stipulati- sia stabilendo che “il valore atteso dei flussi cedolari attualizzati alla data di stipula […]

Sentenza n°659/2016 del 22/4/2016, Corte di Appello del Tribunale di Torino