Sentenza n° 1233/2016 del Tribunale di Macerata, del 02/11/2016


La Sentenza n° 1233/2016 del Tribunale di Macerata, del 02/11/2016, riguarda un rapporto di Conto Corrente Ordinario tra una Società a Responsabilità Limitata ed una Banca, acceso nel 1980; nel 1991 la Società aveva aperto un conto s.b.f. che girocontava gli interessi sul conto ordinario.

Successivamente la Società si accorge che, oltre a versare trimestralmente interessi passivi, stava pagando oneri non dovuti sotto forma di Commissioni di Massimo Scoperto.

A quel punto la Società, dopo aver analizzato i due conti correnti, cita in giudizio la Banca chiedendo la restituzione di quello che – tra interessi,spese e commissioni di massimo scoperto – aveva pagato INDEBITAMENTE, ovvero Euro 177.302,53.

Il Giudice, innanzitutto rigetta le Eccezioni di Prescrizione – la Banca affermava che il termine era quinquennale, invece è decennale – e di Decadenza effettuate dalla Banca per poi nominare un CTU che stabilisca chi abbia ragione.

Sulla base dei conteggi del CTU, il Giudice condanna la Banca a restituire alla parte attrice Euro 197.308,86 oltre interessi legali.

 

Leggi la Sentenza